Torna alla Pagina Iniziale

Aggiungi Studio Marzulli Roma ai preferiti

Contatta lo Staff di Studio Marzulli

f24 saldo zero, omessa presentazione, tardiva presentazione f24 saldo zero

Presentazione del Mod. F24 a saldo zero

C o r s i & M a s t er

Il contribuente può compensare gli importi a credito di propria spettanza con debiti inerenti a tributi, contributi o premi indicati nel modello F24 tenendo presente che deve essere indicato, quale importo massimo di credito compensato, l’importo necessario all’azzeramento del totale dei debiti indicati nelle varie sezioni, poiché il saldo finale del modello non può essere mai negativo.

Chi opera una compensazione deve sempre presentare il modello F24, anche quando esso ha un saldo pari a zero.

Il modello F24 permette, infatti, a tutti gli Enti di venire a conoscenza dei versamenti e delle compensazioni operate e consente all’Agenzia delle Entrate di attribuire le somme spettanti a ciascuno.

Per regolarizzare la mancata presentazione del mod. F24 con saldo zero è necessario:

presentare il modello F24, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione;

• versare una sanzione ridotta, pari a: - € 10 (1/5 di € 51), se il ritardo non è superiore a 5 giorni lavorativi; - € 30 (1/5 di € 154), se il modello è presentato entro un anno.

OMESSA PRESENTAZIONE DEL MOD. F24 CON SALDO ZERO

Si applica la sanzione pari a € 154,00, ridotta a € 51,00 se il ritardo non è superiore a 5 giorni lavorativi. Non si è in presenza di violazione formale, in quanto si configura un ostacolo all’attività di accertamento.

TARDIVA PRESENTAZIONE DEL MOD. F24 CON SALDO ZERO

Ravvedimento operoso Entro 5 giorni lavorativi dalla data di sca-denza del termine previsto per la presenta-zione. Si applica la sanzione ridotta di € 10,00 (1/5 di € 51,00).

Entro un anno dal termine previsto per la presentazione del modello. Si applica la sanzione ridotta di € 30,00 (1/5 di € 154,00)

MODALITÀ DI VERSAMENTO DELLA SANZIONE

Esporre nella “Sezione Erario” del Mod. F24 Codice tributo 8911

Rateazione 0000

Anno di riferimento Indicare l’anno in cui è stata commessa la violazione

 

CASO PRATICO • Il 16.06.2008 un contribuente - ditta individuale con periodicità IVA mensile - avrebbe dovuto versare all’Erario l’Iva risultante a debito dalla liquidazione del mese di maggio, pari a € 900,00.

Tale versamento non è stato eseguito in quanto lo stesso contribuente, alla data del 16.06.2008, aveva maturato una posizione creditoria Irpef pari a € 1.100,00, derivante dal Modello Unico 2008, redditi 2007.

• La compensazione fra posizione debitoria e creditoria non è stata formalizzata nel modello F24.

In data 16.07.2008, il contribuente decide di ricorrere al ravvedimento operoso, provvedendo al versamento della sanzione (€ 154,00), ridotta a 1/5 (€ 30,00).

visualizza esempio compilazione modello

 

Marzulli.it è un servizio di Luigi Michele Marzulli

dottore commercialista revisore contabile

Note Legali
Copyright © 2001 - 2007  Luigi Michele Marzulli - P.Iva 05752480722
(ris.16/5/06 nr.60/E Agenzia Entrate)